NON MANCHERO’

Non mancherò, dico
allo specchio vuoto
mentre mi nascondo
dietro un dito
Non mancherò, dico
alle albe affollate
da pecore già contate.
Alle chiocciole disseccate
sulle sterpi, sugli steli
dei cardi, a fine estate.
Non mancherò, dico
a un paio di scarpe leggere
che non calzerò mai più.
Alle gru che viaggiano chiassose
sulle pianure nebbiose, e sulle
pozzanghere che riflettono
le nuvole di marzo, che
splendono umide e bianchissime
come biancheria
stesa ad asciugare.
Alle persiane ammuffite
che in primavera
cinguettano al primo sole
come sartine smemorate.
Alle scatolette di tonno
e alle gorgiere appassite.
Ai boschi obliqui
e pensosi, evaporati
dalle mappe tolemaiche
del sonno.
Al fatuo girellare
sugli orli,merletti
spumosi di acque buie.
Al silenzio che emerge
dalla neve
con la grazia lieve
di un ermellino.
A un gregge che da lontano
biancheggia
nel sorriso del mattino.
Alla forbice che sanguina
aggrappata
al dito più tagliente.
Al niente momenteneamente
fissato nelle smorfie
di un cuscino stropicciato.
Al ragno che fonda il suo reame
nel vuoto stabilito dal fogliame.
Ai fiori
che sorridono alle spalle
di quanti si soffermano
a mirare le cicogne.
Alle tortorelle grigiogialle
che entrano ed escono
dalla luce temporalesca
della valle sottostante.
Al leggiadro tirocinio
dei passeri sul balcone,
con i quali io divido
la mia vita in briciole,
in belati al crepuscolo,
in fumo,in fiumiciattoli.
Ma tu hai compassione
di tutte le cose, mia
rondinella-giocastra,
mia consorte-bambina
sai che ogni pentola
sul fuoco
è anche una strega americana.
Che anche gli abiti disabitati
sono sempre abitati.
E che anche tutto ciò
che non assomiglia alla vita
può essere ancora vita-
può essere ancora felicità.

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

UN UCCELLO PERDE LEPENNE
Un uccello perde lepenne semina nella stanza ricordi di niente né raggi né chessò nuvole di cartacce viste su vetri Read more.
IL TENNIS
Yoko Ono non aveva quel culo, e il semestre trascorre senza che accada nulla in particolare. E’ un chiaro fotomontaggio Read more.
l’asteroidicello gamma (il lavoro mentale) 30’78
premessa pratica (29.07) – non riesco a liberarmi dei settimanali che compro da anni e soltanto per guardarli. e non Read more.
LA VOCE DELLA LUNA
Federico prima di morirsi filmava ancora l’ora di stupirsi. Read more.
NEL MIO PAESE
nel mio paese se arrivano le pellicole è dopo sei-otto mesi dalla prima uscita. e della crisi finanziaria ne arriva Read more.
GIALLO 1
La luce se n’era andata alle cinque del pomeriggio. Fuori tempesta e diluvio che scuotevano le palme della piazza sottostante. Read more.
LE BOCCE
Solitamente il ragazzo veste l’abito del ritiro il cappello di malaspina la voce fina da eunuco lo spiritismo di un Read more.
IL PRIMO SECOLO DI FERLINGHETTI
MANIFESTO POPULISTA N.1 di Lawrence Ferlinghetti traduzione e interpretazione di Marco Palladini Poeti, uscite dalle vostre stanzette, spalancate le vostre Read more.