MEGLIO SE NON GUIDI PIU’ (a Gea)

Tra le blande scaffe, se guidi storto, rischi di ritrovarti in California. Finisci per asfaltare Matteo Renzi. Ti rinchiudono a Guantanamo. Ti castrano e ti obbligano a cantare Guantanamera con la voce, non di Zucchero che porta male, ma di Farinelli. Però, subito su You Tube e sulle prime tre pagine del tuo giornale preferito.
puntata precedente:
MEGLIO L’UNICA LA SEMPRE CATTIVA STRADA DEL FABER
Se guidi giusto. Al mezzo. Puoi anche evitare le blande scaffe. Ma pagherai pegno per eccesso di attenzionalità. Il mancato deficit ti trasformerà in un noioso brontolone. Protestatario fuoricorso, fotografo di strade cattive, querulo epistolante declassato con disonore. Quel che resta di te nelle ultime infime pagine, quelle delle lettere al direttore, del tuo giornale preferito.
puntata pcedente:
MEGLIO L’OPPIO DEL LEONE DE NIRO
Se guidi troppo teso, invece, può capitarti che anche una blanda scaffa ti provochi una erezione. Difficile da controllare. E lo sterzo anche lui difficile da controllare. Distogli lo sguardo dal parabrezza e finisci dentro una vetrina di guêpièresche i tuoi occhi lubrici non hanno saputo evitare. Il resto in quarta pagina del tuo giornale preferito.
puntata precedente:
MEGLIO L’ADRENALINA DELLA RETTORE DIMENTICATA

Se guidi troppo rilassato può succedere che la più blanda delle scaffe ti provochi lo stocco del collo, una istantanea di ugula tra denti stretti, una scivolata del pomo d’adamo nel basso intestino, un nitido tic palpebrale, uno starnuto, un crescendo di bruciore con svenimento e il resto nella quarta pagina del tuo giornale preferito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LINGUA
La disciplina della punteggiatura. L’umiltà della matita. La grammatica breve, elementare ed esatta. L’onestà intellettuale. Il decoroso incedere delle parole. Read more.
ABBANDONI
Hai lasciato i tuoi libri sul pavimento, e mi chiedo se a guardarli si possa capire quali hai letto e Read more.
COMPILATORI
la realtà fenomenica è controllata da programmi molto piccoli, perfetti per le sue delicate imperfezioni. per ogni variabile o eventuale Read more.
I NUVOLANDESI
Erone Cretese riporta nei suoi diari di viaggio il bizzarro e breve soggiorno tra i Nuvolandesi. Producendosi il caso che Read more.
1)
ed è tramonto di un passo dentro ogni spina di spine la fine di un luogo   la forma dell’angolo Read more.
FIN DOVE
la stanza è un paesaggio sospeso tra terra e mare sul bagnasciuga corpi senza numero un varco per respirare aria Read more.
STORIA DI JAZZ (CORTOCIRCUITI) 1
Il contrabbassista cercò una via d’uscita da quel giro armonico triste, s’infilò nell’imbuto che il barman teneva nel collo di Read more.
DUE PAROLE SUL MEETING AMBIENTALE (17)
“Tre minuti alla fine del meeting.” “Ci dica MacLoss”, chiede un generale, “è sicuro che funzionerà?” “Vi basti sapere che Read more.
A.K. ROSSO
il prolasso della terra, la carne ferita che pulsa ancora. * la stanza di polvere rossa, una spalatrice rimuove la Read more.